Alta Formazione: camminare, partecipare, esserci.

Abbiamo chiesto ad un collega e socio della nostra cooperativa, Carlo, di raccontarci il suo percorso di Alta Formazione: un percorso promosso dal nostro gruppo, Gruppo Polis, della durata di tre anni, che si pone l’obiettivo di costruire un sistema cooperativo consapevole che sappia costruire la propria azione imprenditoriale partendo da tratti essenziali di inclusività e condivisione, generative di nuove forme di
collaborazione e partnership strategiche sempre più forti.

A Giugno si è concluso il primo anno, tra incontri in presenza e incontri online e abbiamo pensato di lasciar voce alla sua esperienza, alle motivazioni e alle riflessioni su questo percorso.

“Sono molti gli aspetti che possono portare una persona a scegliere di lavorare nel mondo della cooperazione sociale. Sicuramente la spinta ideale, un ambiente stimolante, il piacere di un luogo di lavoro dove l’uomo è messo al centro, la possibilità di essere un cooperatore e quindi un protagonista attivo del proprio lavoro. A rendere tutto questo possibile c’è la formazione: mi richiama alla mente qualcosa che è sempre in divenire, sempre in crescita, in contrapposizione a qualcosa di statico, di “fatto”. Questa idea di non essere mai “arrivati” ma di poter sempre fare un passo avanti rende il nostro lavoro di cooperatori speciale e sempre nuovo. Mi ricorda anche gli sport di squadra (la formazione che scende in campo), perché è anche un modo per fare gruppo tra i colleghi, creare equipe, confrontarsi e sintonizzarsi sui valori, sulle idee, sulle prospettive per affrontare insieme le varie sfide lavorative. 

Quando è arrivata la proposta di partecipare ad una formazione di ampio respiro, distribuita su tre anni, di alto livello per approfondire le tematiche che direttamente o indirettamente investono il mio lavoro, accettare mi è venuto naturale. Ovviamente non è una passeggiata, si tratta di un sabato mattina al mese da dedicare, e questo tempo va trovato in mezzo ai mille impegni che ogni famiglia deve coordinare. Per fortuna questa mia idea di cooperazione è condivisa ampiamente con mia moglie che ha subito confermato la mia scelta.

Il programma è corposo, i docenti importanti, non mi dilungo sui dettagli rispetto ai contenuti ma voglio sottolineare che, anche solo progettare questo percorso, ha sicuramente richiesto energie e lavoro, segno di come tutto il Gruppo Polis veda nello strumento della formazione un investimento importante. Anche questo diventa stimolo per affrontare il percorso. 

Per raccontare questo primo anno mi soffermerei sul primo incontro di questo percorso, a Novembre 2019. Appena arrivati ho visto subito che eravamo in tanti a partecipare e già questo mi ha trasmesso il valore del progetto. L’accoglienza non si è limitata alla sola firma, alla cartellina di benvenuto ma è stato un vero e proprio momento di incontro davanti a caffè e brioches, un piacevole inizio. E’ stato un piacere incontrare tanti volti conosciuti e ma anche conoscere nuove persone. L’ incontro si è svolto con la partecipazione di tutti, con domande e osservazioni, bello vedere tanto entusiasmo.

Negli incontri successivi è cambiato il tema, sono cambiati i contenuti e i relatori ma non la sensazione di far parte di un gruppo che ha voglia di lavorare insieme, che mi ha accompagnato per tutto questo primo anno. Il lockdown poi ci ha costretto a proseguire gli incontri da casa in video, perdendo così la bellezza del vedersi tutti insieme. Ma aspettiamo di poter riprendere presto!

Cos’è stata quindi l’Alta Formazione per me in questo primo anno? Possibilità di camminare assieme, partecipare, esserci.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.