Vecchie strade, nuove prospettive.

L’affidamento per il servizio dei gruppi appartamento alla nostra cooperativa scadrà il 31 dicembre e il 2019 porterà cambiamenti per questi servizi che al loro interno accolgono storie di uomini, spesso con un passato come senza fissa dimora.

Per chiudere questo anno lasciando un pezzetto della tanta strada fatta da questo servizio e da questa equipe di lavoro, ma allo stesso tempo per lasciare spazio alle novità che il futuro ci riserverà, abbiamo chiesto a Vincenzo, uno degli ospiti dei nostri appartamenti di raccontarci ciò che desiderava della sua storia e di questo lungo percorso che lo ha portato fin qui.

Le seconde accoglienze sono infatti dei servizi “di mezzo”, una dimensione di cambiamento che tiene ancora legato ad un passato difficile ma che può diventare un momento di passaggio per qualcosa di nuovo. Percorsi e progetti  lunghi, con alti e bassi, dove le proprie consapevolezze e le proprie difficoltà possono emergere e possono essere affrontate, grazie anche a operatori presenti con il ruolo di supporto e di aiuto a riconoscere una nuova strada.

“Mi chiamo Vincenzo, ho 63 anni e sono nato in un paese della provincia di Bari.
Ho vissuto in Puglia fino all’età di 43 anni, ero sposato e ho tre figli. Ho sempre lavorato come muratore e come contadino, poi purtroppo sono successe cose di cui non voglio parlare perché molto tristi per me e ho deciso di trasferirmi. Continua a leggere Vecchie strade, nuove prospettive.

Parliamone…per dire BASTA! – 25 Novembre 2018 –

Ogni 25 Novembre ricorre la Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, un fenomeno che per noi va ricordato tutti i giorni, un fenomeno che non ha nulla di “emergenziale” ma al contrario ha una forte matrice culturale ed educativa nella nostra società.

L’area di contrasto alla violenza di genere della nostra cooperativa comprende  diversi servizi quali il Centro Antiviolenza di Chioggia, il Servizio Uomini Maltrattanti, Casa Viola per donne vittime di violenza e i loro bambini; ma tutto questo è da sempre accompagnato da un forte processo di sensibilizzazione e prevenzione sul fenomeno della violenza nel territorio in cui operiamo.

Il nostro obiettivo è quello di rispondere ai bisogni che il fenomeno della violenza crea con i nostri servizi ma allo stesso tempo quello di riuscire a limitare il presentarsi di episodi di violenza; e perchè ciò accada è necessario parlarne. Abbiamo deciso di parlarne in situazioni più informali, partecipando a incontri di gruppi associativi di giovani e adulti ma anche rispondendo a inviti a seminari, convegni o occasioni pubbliche dove poter portare il nostro lavoro e il nostro messaggio. Continua a leggere Parliamone…per dire BASTA! – 25 Novembre 2018 –

Non perdere la Bussola! 6.10.2018

Sabato 6 Ottobre il nostro Centro Diurno “La Bussola” ha intrapreso una nuova avventura.
Dopo mesi di organizzazione, con l’aiuto di molti preziosi volontari, “Non perdere la Bussola” è stata una giornata di apertura al territorio, con attività e laboratori per grandi e piccini. Letture animate, laboratorio di terracotta e di cucina del riciclo per raccontarci, far conoscere il nostro servizio e ringraziare l’azienda Pettenon Cosmetics Spa che da quest’anno ha deciso di sostenere il servizio.
E’ stata un’esperienza intensa, che ha permesso di instaurare relazioni più forti con volontari e utenti, già conosciuti o appena incontrati nelle strade del nostro centro. Momenti di condivisione che hanno permesso di trasformare un pomeriggio (di pioggia) in un momento di festa, trasformandoci in una squadra compatta e vincente. 
Ognuno il suo ruolo, ognuno libero di trovare uno spazio per partecipare. Chi si è dedicato all’allestimento, chi alla logistica, chi all’organizzazione del buffet e della musica, chi ha realizzato oggetti in terracotta, chi si è offerto per raccontarci con un video.
Tutti insieme per costruire qualcosa di nuovo ma autentico.

Continua a leggere Non perdere la Bussola! 6.10.2018

Appunti di Viaggio

Da pochi giorni ha concluso il suo anno di servizio civile nel servizio per ragazzi e ragazze richiedenti asilo, Sofia.

Come già sottolineato anche in altri post i nostri volontari di servizio civile sono risorse importanti che arricchiscono i nostri servizi, il lavoro di tutti e giorni e le nostre equipe.

Anche lei, prima di concludere questo anno, ha deciso di raccontarci questo suo viaggio….e la vogliamo ringraziare per il suo impegno e per questo percorso fatto con noi!

“La scelta di svolgere il servizio civile è stata maturata ed arricchita nel corso del tempo a fronte di numerosi fattori sociali, personali e di curiosità che hanno aumentato in me la voglia di comprendere e cercare di capire alcune dinamiche riguardo il funzionamento, la gestione e l’organizzazione del sistema d’accoglienza dei richiedenti asilo, un tema sociale tanto importante quanto delicato in questi tempi. Volevo calarmi all’interno di una “piccola realtà” perché credo che la possibilità di generare un senso di speranza alle persone accolte, nasca anche dalla relazione e dal tempo che si dedica. In particolare, volevo conoscere Loro, i protagonisti di queste storie tanto discusse quanto non conosciute: giovani ragazzi e ragazze africani/e che per diverse circostanze
della vita, si trovano a vivere qui, in Italia, lontani dai loro affetti e dalla loro terra madre. Continua a leggere Appunti di Viaggio

“Ho trovato la Bussola!” Un anno di Servizio Civile.

Venerdì 17 Settembre scade il bando regionale per le candidature del Servizio Civile.

La nostra cooperativa da diversi anni condivide con giovani volontari questa esperienza in alcuni servizi. Tra questi, il centro diurno “La Bussola” ogni anno si arricchisce con la presenza di un volontario che sceglie di fare all’interno della nostra cooperativa questo anno di servizio.

Abbiamo così chiesto a Chiara, volontaria che terminerà la sua esperienza nel mese di Ottobre di raccontarci questi mesi nel nostro centro diurno.

“Oggi che scrivo, è strano pensare che sia già passato quasi un anno dall’inizio del mio Servizio Civile. Dedicare un anno a questo tipo di esperienza era un’idea che avevo in testa già da un pò di tempo. Finalmente a giugno dell’anno scorso si è presentata l’occasione e le condizioni per fare domanda. Continua a leggere “Ho trovato la Bussola!” Un anno di Servizio Civile.

Il mio SVE in Italia con i giovani migranti

Quando ho lasciato la Francia il 1 febbraio 2018, partivo con la voglia di vivere una nuova esperienza interculturale. Mi è sempre piaciuto viaggiare anche per incontrare nuove persone. Credo che le differenze siano una ricchezza e che sia importante interessarsi e conoscere altre culture, per cercare di capire la gente, le abitudini, non giudicando al primo sguardo. Allarga gli orizzonti:  incontrando e conoscendo gli altri, si impara tanto anche su sé stessi.

Quel giorno di febbraio, con queste aspettative, iniziava così il mio SVE (Servizio Volontario Europeo), per un periodo di 7 mesi presso Gruppo R.
Essere volontaria in un altro paese è stata una mia scelta. Realizzare questo volontariato con le persone richiedenti asilo e rifugiate anche.

In Francia, ero volontaria con minori stranieri non accompagnati, non sostenuti dai servizi pubblici perché non riconosciuti minori. Con questa nuova esperienza personale in un altro paese, volevo proseguire il mio impegno e conoscere il funzionamento del sistema di accoglienza per persone migranti in un paese vicino al mio. Continua a leggere Il mio SVE in Italia con i giovani migranti

MANI PREZIOSE

— NUOVI VOLONTARI CERCASI —

Come molti sanno, per i nostri servizi i volontari che supportano il nostro lavoro sono un’enorme ricchezza!!

Nel servizio di accoglienza per ragazzi e ragazze richiedenti protezione internazionale imparare la lingua italiana è lo scoglio più importante ma anche una grande soddisfazione non appena si inizia a conoscerla. Conoscere la lingua italiana è il primo passo verso l’integrazione.  

Per questo cerchiamo volontari maggiorenni che abbiano voglia di mettersi in gioco, offrendo qualche ora del loro tempo per aiutare i ragazzi e le ragazze, soprattutto in queste settimane estive, a prepararsi in vista dell’inizio dei corsi del nuovo anno scolastico, esercitandosi anche in questo periodo estivo. Un incontro di culture tutto da scoprire.

Per il nostro centro diurno La Bussola per persone in situazione di emarginazione sociale è attivo invece da più di un anno un laboratorio ricreativo con l’uso della terracotta. Vorremmo farlo crescere, creare cose nuove e originali che possano far conoscere il nostro servizio ma soprattutto che possano essere una soddisfazione per i nostri ospiti che sono ormai molto legati a questo laboratorio e lo vivono come un momento creativo e di socializzazione. 

Anche per questa attività cerchiamo volontari maggiorenni, creativi e con spirito di iniziativa, che sappiano lavorare la terracotta e che vogliano donare le loro competenze e conoscenze alla nostra struttura e ai nostri ospiti, portando novità ed entusiasmo. Un momento dove arte e relazioni possano intrecciarsi e creare “magia”.

Ora quindi basta solo un ulteriore passo….contattateci! Vi daremo tutte le informazioni in merito.

Contatti:

  • info@gruppopolis.it
  • m.rizzi@gruppopolis.it

 

Qual è il tuo sogno? Assemblea Soci 12 Maggio 2018

Venerdì 11 Maggio si è riunita l’Assemblea Soci della nostra cooperativa. L’Assemblea dei soci per una cooperativa è un’enorme ricchezza e un’opportunità fondamentale in cui ogni lavoratore può riconoscere il ruolo che ha all’interno della cooperativa stessa; è la possibilità di sviluppare imprenditoria in modo democratico. Per questo vogliamo soffermarci e dedicare questo nuovo post a questo momento, che è stato preparato con cura e attenzione attraverso l’impegno condiviso di molte persone. Abbiamo pensato così di chiedere  al nostro nuovo presidente, Massimo Citran, di raccontarci come ha vissuto questa “prima” tappa.

“Ho vissuto e vivo l’Assemblea dei soci come l’opportunità di dare valore al gioco di squadra che caratterizza la nostra realtà, e come momento forte durante il quale poter discutere la rotta da seguire direttamente con i proprietari della nave. Rotta che dovrà essere guidata dall’obiettivo di rispondere ai bisogni della nostra società, e delle persone più in difficoltà, con il nostro lavoro e la nostra competenza.

L’Assemblea è stata emozionante. L’ho dichiarato subito! E nonostante abbiamo speso tempo per prepararla nei dettagli, poi le cose non sono andate esattamente come immaginato. Tra persone che dovevano andare via prima e il tempo che passa veloce, abbiamo cambiato la scaletta al momento, facendo in modo che tutti i pezzi del puzzle andassero al posto giusto comunque.

Puzzle che si componeva di partecipazione attraverso la narrazione degli obiettivi dei nostri servizi e di quanto fatto finora, di restituzione ai soci rispetto al lavoro svolto, di presentazione e approvazione del bilancio e delle delibere collegate, tra cui la destinazione degli utili, dove emerge in modo sintetico ed essenziale la nostra natura not for profit.

Abbiamo poi dato continuità all’incontro di formazione partecipativa, invitando la presidente di Federsolidarietà Padova Tiziana Boggian, che ha contestualizzato il nostro lavoro nel più ampio quadro sociale, economico e politico provinciale e regionale.

Abbiamo quindi detto e sentito molte cose. E alle otto si sentiva la fame nell’aria! C’era un’ultima parte però…che lascio a questo post.  Continua a leggere Qual è il tuo sogno? Assemblea Soci 12 Maggio 2018

Finalmente…Casa!

Qualche fine settimana fa si è concluso un percorso lungo, un’accoglienza durata più di un anno mezzo in Casa Viola, che ha trovato finalmente la possibilità di ricominciare.

E’ la storia di L., una donna marocchina e mamma di due bambini, arrivata in Italia nel 2003, sposata, con una casa, un lavoro e una vita apparentemente stabile. Un lavoro in fabbrica, poi con un’impresa di pulizie, l’arrivo di due bambini, un paese in cui vive per 10 anni che la fa sentire accolta, la scuola dei figli, nuove amicizie. Ma tra le mura di casa la sua quotidianità è molto più dolorosa e difficile: L. ha un marito violento, un uomo che alza le mani e che le impedisce di costruire una famiglia serena e libera. Nel 2007 trova la forza di dire basta, partendo per il suo paese di origine e scappando da questo marito e padre violento, iniziando le pratiche per la separazione. Anche da lontano lui riesce a mantenere il controllo della sua vita e per ben 3 anni L e i suoi due bambini non riescono più a tornare in Italia. 

Dopo tante fatiche, tante carte e il desiderio dei bambini di tornare “a casa”, riescono a rientrare in Italia. L. farebbe qualsiasi cosa per i suoi figli e, con coraggio e tanta forza, inizia questa nuova vita da sola, con un affitto da pagare, tante spese e un lavoro che non riesce più a trovare. Ecco che iniziano così anche nuovi problemi: mancano i soldi, non riesce a pagare l’affitto e le bollette e purtroppo arriva il primo sfratto. Supportata dai servizi ci riprova, nuovo appartamento, un nuovo affitto ma da sola è troppo difficile. Non ha più una rete di supporto, ha dovuto cambiare zona in cui stare e non riesce più a costruirsi una rete sociale. Nessun supporto con i bambini e quindi anche questa volta non ce la fa. Arriva un altro sfratto ed ecco che i servizi decidono di offrirle un’accoglienza. Arriva in Casa Viola. Continua a leggere Finalmente…Casa!

Dottore, ma questa è violenza?

Pochi giorni fa è stato l’8 Marzo, festa della donna, e per ricordare l’importanza di questa giornata abbiamo deciso di raccontarvi un altro nostro servizio, un servizio che vuole continuare a lavorare contro la violenza sulle donne, occupandosi però degli uomini che agiscono violenza, intervenendo e offrendo  loro una possibilità di cambiamento: il SUM, Servizio Uomini Maltrattanti. Un lavoro sulla consapevolezza della responsabilità e delle conseguenze dei propri comportamenti maltrattanti verso la donna colpita, su i processi culturali intrinsechi che danno origine a rapporti basati sul potere e non sul rispetto, sulla consapevolezza della sofferenza inflitta ai figli e alle figlie, esplorando nuove modalità di essere genitori.

Per questo abbiamo deciso di raccontarvi l’esperienza di C., un uomo maltrattante venuto a contatto con il SUM, attraverso gli occhi di un operatore, di chi cerca di intervenire sulle storie di uomini violenti e offrire strade alternative possibili.

“C. mi chiama perché la moglie, che è venuta a conoscenza del servizio, lo invita a prendere i contatti con noi. Lui accetta anche se fin dal primo contatto telefonico mi dice che non è convinto ma lo fa per lei. Continua a leggere Dottore, ma questa è violenza?