TRAME, un progetto di innovazione sociale e sostenibilità ambientale.

Quasi due anni di attività ed è il momento di raccontare finalmente uno degli ultimi progetti di Gruppo R che riesce a combinare “Vite, talenti e stoffe”, come recita fiero il claim.

Già, TRAME, un marchio rigorosamente di design, ma etico. Non a caso il team che ci lavora con entusiasmo è anche artefice del termine “ethic chic“.

Ma di cosa si tratta? TRAME è in breve un’idea imprenditoriale di innovazione sociale, un marchio etico, originale e responsabile. Parliamo di accessori che nascono da una vivace e innovativa combinazione di design di prodotto e stoffe pregiate, con un’attenzione alle tendenze del momento. Sono pezzi unici, made in Italy e fatti a mano, che rispecchiano il valore e l’unicità delle persone che li realizzano.

E chi li realizza? Persone vere e in questo momento soprattutto donne, guidate da una maestra d’arte e da una designer.

E perché etico? Perché Trame si rifà alla filiera del riuso e alla dialettica dell’economia circolare.

E quindi gli accessori nascono da un’attenta selezione di tessuti di pregio donati da imprese locali e che, scartati da processi produttivi in cui risultano ormai inutili, entrano nel processo creativo TRAME, riacquistando design e funzionalità̀, secondo una logica sostenibile e di rispetto dell’ambiente.

Chi meglio delle persone stesse, però, può raccontarci quanto accade dentro e fuori TRAME? Importante riportarvi le loro sensazioni, i loro punti di vista, dopo questi primi due anni di sartoria, raccolta tessuti, aperishop, collaborazioni e social network.

La Direzione:

EMANUELA, la Responsabile del progetto: “La domanda frequente è perché impegnare tempo, energie, pensiero, e risorse economiche in questo progetto, e in due anni sì, ne abbiamo messo di impegno prezioso, personale e della cooperativa. La risposta è che prima di tutto TRAME è nata come esigenza condivisa in un percorso che ha coinvolto alcuni lavoratori di Gruppo R, e cioè creare nuovi spazi per l’inserimento di donne con difficoltà, valorizzando le loro competenze. E questo è già importante per dare credito al progetto.  E poi perché strada facendo è cresciuta anche la passione per questa impresa e per le sue caratteristiche peculiari: l’artigianalità, l’attenzione all’ambiente, il team che sa coniugare passione e professionalità,  il prodotto e lo stile, che sentiamo nostro identitario e allo stesso tempo di tendenza, la comunità che si è creata attorno. Sicuramente stiamo mettendo in pista TRAME con tutte le attenzioni, le competenze e la nostra voglia di volare.” 

La Sartoria:

DANIELA, la Maestra d’Arte: “TRAME per me è un concetto in evoluzione costante. All’inizio è stato dare un senso alle mie passioni, all’eredità culturale di mia madre e di una nonna che non ho mai conosciuto; a decine di ore dedicate a corsi, leggere libri e studiare, perché cucire è anche questo. Anche la decisione che la via giusta poteva solo essere mettere a disposizione il mio sapere e la mia passione ad altre donne, perché credo nella condivisione, nel valore terapeutico del cucito, e di ogni attività svolta con le mani. Un primo incontro fortunato, con Gruppo Polis e poi con Emanuela Tacchetto, e di seguito con tutte le persone che hanno creduto nelle mie capacità e con le quali sto condividendo un sogno molto concreto. Dare alle persone un’occasione per prendere in mano la propria vita attraverso il lavoro. Ora TRAME sono tre stanze, caotiche, colorate, nelle quali il rumore delle macchine da cucire si mescola agli insegnamenti miei e di Alessandra (la seconda sarta che collabora con TRAME da circa un anno) alle nuove arrivate e alle richieste di Patty. E poi ci sono le nostre borse, belle e preziose, fatte con amore e perizia, nelle quali lasciamo sempre un po’ del nostro cuore.”

PATTY, la designer e product manager: “Ogni volta che rovisto nei secchi, che per altri sono scarti, è un’emozione… trovo tessuti meravigliosi, so già cosa potrebbero diventare e con l’aiuto di Daniela quasi sempre è possibile. Provengo da una famiglia di artigiani tessili e sono cresciuta praticamente in mezzo agli stracci e fin da piccola dagli scarti creavo qualcosa, magari per le mie bambole… A 7 anni avevo già deciso che sarei diventata una designer. TRAME è questo, casa e pura creatività che manca molto spesso nelle aziende di moda da cui provengo, con circa 20 anni di esperienza. Qui mi sento libera e ispirata continuamente, posso solo ringraziare questo progetto che mi ha restituito l’entusiasmo!

Gli Amici:

NOLITA, marchio di abbigliamento femminile: “Nolita ha scelto Trame in quanto da sempre fortemente legata e attenta ai temi sociali riguardanti le donne. I gadget unici – Trame per Nolita-  creati dalle donne per le donne hanno attribuito un valore aggiunto ai nostri capi, rendendoli portatori di un messaggio sociale importante: è sempre possibile rimettersi in gioco. Contenti di questa collaborazione, speriamo si possa ripetere in un futuro con nuovi spunti e nuove.

Trame. Ritagli di vita – https://www.trameatelier.it/chi-siamo/