Un anno inaspettato e un nuovo punto di partenza: il mio Servizio Civile

Durante l’anno appena concluso ho avuto la fortuna di svolgere il Servizio Civile Regionale presso due servizi della Cooperativa Gruppo R: Casa Viola e il Centro Diurno la Bussola.
Il progetto “Spazi Rigenerativi” ha catturato fin subito il mio interesse perché consentiva di continuare ad esplorare un ambito in cui avevo già avuto qualche esperienza (quello della marginalità adulta) e, al tempo stesso, di sperimentarmi all’interno di un servizio per donne vittime di violenza. Mi piaceva molto l’idea di poter imparare qualcosa di nuovo senza abbandonare del tutto la strada percorsa fino ad ora.

Quando ho deciso di intraprendere quest’avventura avevo bisogno di un cambiamento nella mia vita che non coinvolgesse più soltanto la sfera del lavoro ma anche quella dei valori in cui credo.
Ho trovato in questa opportunità un buon compromesso fra questi due aspetti: essere un volontario ha rappresentato per me un’esperienza altamente stimolante sia a livello personale che
a livello di competenze acquisite.
Fin dall’inizio ho deciso di fidarmi della sensazione di calore che mi hanno trasmesso i luoghi in cui avrei svolto servizio come volontaria. In entrambi i casi mi sono ritrovata in servizi in cui le risorse delle persone coinvolte vengono davvero valorizzate, nessuno escluso.
Posso dire senz’altro che l’anno appena concluso è stato molto intenso per me. Le attività che ho svolto come volontaria sono state legate sia alle mie attitudini e conoscenze sia alle esigenze dei
servizi.

Con le donne di Casa Viola il mio ruolo è stato quello di supportare le attività delle operatrici e delle ospiti, sia in piccole attività quotidiane, sia in momenti conviviali e di confronto sull’andamento del loro percorso. E’ stato molto importante per me riuscire ad entrare in relazione a poco a poco con le donne ospitate, rispettando i loro bisogni e le loro necessità legate
al delicato momento di vita.
Presso il Centro Diurno La Bussola, invece le mie attività sono state più strutturate e legate principalmente al momento del pasto e dei laboratori pomeridiani. Sicuramente una meravigliosa scoperta è stata quella del laboratorio di terracotta: mettermi alla prova insieme ad alcune persone che frequentano il centro con un materiale che non avevo mai utilizzato prima ha rappresentato una sfida bella ed inaspettata, oltre ad essersi trasformata nel tempo in una piccola passione.

Vivere l’esperienza di servizio civile ha significato molte cose: ripensare il lavoro nel sociale, abbandonando alcuni punti di vista e lasciando spazio a quelli nuovi; prendere parte con orgoglio ad un percorso fatto di piccoli cambiamenti quotidiani; essere pronta ad accogliere giorno per giorno alcuni pezzi della vita delle persone, ricordi e sfaccettature della loro personalità.
Porterò con me il ricordo di alcuni momenti speciali di quest’anno. In particolare la festa del Centro Diurno: “Non perdere la Bussola” in cui tutti sono stati coinvolti nell’organizzazione di una giornata speciale che mi ha resa orgogliosa di far parte di una bellissima squadra in grado di raggiungere anche gli obiettivi più difficili.