Un Salotto denso di storie.

Il “salotto” è un concetto che evoca calore, pace, riposo. Uno spazio intimo in cui rifugiarsi ma anche uno spazio di incontro e convivialità. A partire da settembre 2019 questo concetto ha assunto nuove sfumature di significato e ha incontrato nuove storie di vita: il Salotto è, infatti, il nome di un nuovo servizio di cui si occupa la nostra cooperativa. Si tratta di un centro diurno ospitato presso l’Asilo Notturno comunale, struttura che, da anni, accoglie persone senza dimora e in stato di grave emarginazione. È proprio in questo contesto che il Salotto si inserisce come spazio diurno aperto ad alcune delle persone lì ospitate, e dà loro la possibilità di usufruire dell’Asilo Notturno in un modo diverso e in una fascia oraria in cui prima la struttura era chiusa. Il Salotto, infatti, apre ogni giorno, dal lunedì al venerdì, per la durata di due ore, prima dell’apertura serale della struttura. Per poter raccontare cosa si fa al Salotto e che significato ha per le persone che lo frequentano, abbiamo deciso di chiedere proprio a loro.

Alcune persone raccontano che per loro la possibilità di accedere alla struttura in orario diurno è vissuta con grande serenità perché hanno la possibilità di stare al riparo e di condividere uno spazio piacevole con altre persone, cosa che, invece, fuori non riescono a fare. Per altre ancora è un rifugio, uno spazio in cui potersi dedicare del tempo e in cui poter dare spazio ai propri interessi. Per altre ancora è un luogo in cui potersi confrontare attivamente, informare e trovare supporto. Il Salotto, infatti, si struttura in due servizi principali. Da una parte, sono state create, a partire dalle esigenze emerse dagli ospiti, una serie di attività di gruppo tra cui la visione di film, la lettura del giornale, momenti di dibattito e confronto, ascolto di musica e così via. Dall’altra, è attivo uno sportello di consulenza e orientamento che permette alle persone di trovare uno spazio di ascolto protetto e di essere affiancate in base alle loro esigenze. Sempre grazie allo sportello è possibile anche affiancare le persone nella ricerca lavoro, permettendo così di costruire percorsi di maggiore consapevolezza e autodeterminazione.

Un momento costante che caratterizza i pomeriggi trascorsi insieme è dato dalla presenza di una merenda condivisa che accompagna tutti i momenti di convivialità vissuti settimanalmente. È proprio nella condivisione di un tè caldo che si scopre ogni giorno la bellezza dello stare insieme e la necessità di creare sempre nuove attività, nuovi spazi di confronto, nuovi spunti di riflessione. Il Salotto vuole essere un servizio in costante evoluzione, un servizio che cerca di permettere, a tutte le persone che lo frequentano, di trovare uno spazio adatto a sé e alle proprie esigenze, uno spazio che cambia e cresce a partire proprio dalla voce e dalle esperienze di chi quello spazio lo vive tutti i giorni.

Anche in questo sta la sfida: creare nuove narrazioni, nuove sensazioni in uno spazio che è già, di per sé, denso di storie.