Percorso di innovazione: un “gestionale” in Remix.

La nostra cooperativa è composta dalla parte A, servizi socio-assistenziali, e dalla parte B, che comprende attività produttive finalizzate all’inserimento nel mondo del lavoro delle persone in situazione di svantaggio.
Quest’area della cooperativa, Remix, rappresenta un pilastro per la nostra realtà e, in questo periodo, sta affrontando e ha affrontato diverse sfide; tra queste ha intrapreso un importante percorso di innovazione, con l’obiettivo di migliorare i processi produttivi ma anche arricchire ulteriormente le attività con nuove prospettive.
Il percorso ha richiesto e individuato nuove professionalità e nuove collaborazioni, tra cui anche un’ingegnere gestionale, Giorgia, che ha deciso di raccontarci la sua “scelta professionale” e il suo lavoro in Remix.


“Mi presento, sono Giorgia e sono un’ingegnere gestionale. Da Febbraio 2020 collaboro in Remix in un progetto di miglioramento dei processi produttivi.
Prima di arrivare qui, ho lavorato per aziende multinazionali ma, da tempo, stavo cercando una realtà diversa che desse un risvolto “maggiormente etico” alla mia professione. Vi dirò la verità: prima di Febbraio non conoscevo “Gruppo R”. Un giorno, prendendo un caffè alle macchinette, un mio ex collega mi ha detto che in questa cooperativa cercavano una figura gestionale per supportare un percorso di analisi dei problemi e di implementazione di contromisure sull’attuale processo di produzione.
Praticamente l’opportunità che stavo cercando.

Fare il gestionale all’interno di un realtà come una cooperativa, oltre all’aspetto etico, mi è sempre sembrata un’esperienza davvero innovativa e stimolante.
Si tratta di qualcosa che oggi non è ancora così diffuso tra quelli del mio “settore”. Tuttavia questa professione si presta molto bene, perché è una figura trasversale, che va a lavorare sui processi delle
aziende e sulle attività “a valore” e quelle “non a valore”, con una forte attenzione al modello organizzativo e alle persone; perché, come diceva un mio vecchio prof, “prima le persone, poi i processi e infine i risultati. Sono le persone che fanno i processi, le tecnologie, i prodotti e l’azienda stessa!”
Avere un’ “attitudine gestionale” ti porta a diventare maggiormente consapevole di come funzionino i flussi di lavoro, di materiali e di informazioni e apre lo sguardo a prospettive che mettono in discussione l’organizzazione stessa, la filiera, le procedure, gli strumenti e anche le competenze odierne.
Tornando a me, la possibilità di farlo in un contesto atipico rispetto al mio passato, mi spronava molto. Motivo per cui nel giro di due settimane, ho lasciato il vecchio lavoro e sono arrivata in Remix.
Questa esperienza si sta dimostrando un dare e avere: io cerco di portare quel che ho imparato, all’università prima e nei lavori precedenti poi, crescendo allo stesso tempo anche professionalmente.
Entrare nel mondo della cooperazione non solo ti permette di scardinare, attraverso la conoscenza, stereotipi che spesso vengono utilizzati per descrivere il sociale, le persone che ci lavorano e che lo
“abitano”, come le persone in situazione di svantaggio con cui anche Remix lavora, ma ti mette anche alla prova sulla capacità di creare squadra con persone che hanno davvero un percorso molto diverso dal tuo e di farlo in un contesto molto differente dalle multinazionali o aziende fortemente affermate nel mercato
produttivo.

Nel progetto di innovazione che sto seguendo in Remix, l’obiettivo è migliorare la qualità ed efficienza delle attuali linee di produzione al fine di incrementare il grado di occupabilità della cooperativa. Siamo ancora in una fase iniziale, dove lavoriamo per costruire processi, sistemi. E’ anche la fase più dura probabilmente ma
anche quella che ti dà maggiori soddisfazioni perché è lì che cresci davvero professionalmente e umanamente; perché è lì che devi relazionarti molto con le persone, inclusi partner esterni, fornitori e clienti, che possono anche non avere la tua stessa visione, i tuoi stessi obiettivi o la stessa lungimiranza. Per fare un esempio concreto, questa esperienza mi sta offrendo la possibilità di vedere il processo di produzione nella sua completa interezza e non a compartimenti stagni, cosa fondamentale per evitare di migliorare una parte del processo ma peggiorarne l’ efficienza, la qualità o i tempi di consegna dell’intera filiera di produzione. Per migliorare tutto il sistema devi, inoltre, comunicare correttamente con i tuoi clienti le necessità della produzione e mostrare il valore globale delle iniziative, non solo di un unico processo. Questo sguardo d’insieme è sicuramente una grande opportunità e un punto di forza.  

Nel concreto, assieme ai ragazzi in linea, stiamo analizzando e misurando le varie fasi di lavoro, facendoci supportare anche da un nuovo sistema informatico che registra i tempi di produzione e di fermo. Grazie a questo sistema riusciamo ad ottenere una maggiore chiarezza su quali siano le attività a valore da quelle non a valore, che indichiamo come “sprechi” (attese, rilavorazioni, spostamenti, scorte non necessarie..), individuando poi quali tra questi ultimi siano quelli più ingenti. Su alcuni di questi “sprechi” abbiamo provato ad implementare delle contromisure pilota che stiamo sperimentando, revisionando gli spazi del magazzino, creando re layout delle linee di produzione e lavorando sulla sistemazione delle procedure operative.
Siamo ancora all’inizio di questo percorso ma l’aspettativa e il mio obiettivo sono di avere presto linee e materiali organizzati in maniera più efficiente e chiara rispetto ai principali processi di produzione, in modo da poter ridurre gli sprechi per i lavoratori impegnati nel servizio e migliorare la qualità e l’efficienza del servizio stesso.”

La Bussola: tra distanze di sicurezza e prossimità sociale

Durante quest’emergenza sanitaria nel nostro centro diurno “La Bussola” non ci siamo mai fermati.

Questo Aprile 2020 è stato il mese del nostro 15esimo compleanno, ma anche un mese di grossi cambiamenti, domande, riorganizzazioni, chiusure anticipate e riaperture straordinarie.

Un mese di mascherine con meno sorrisi “a trentasei denti” ma di nuovi sorrisi luminosi trasmessi con gli occhi, un mese di metri di distanza ma di parole e battute che avvicinano, di routine sconvolte ma anche di nuovi equilibri ritrovati.

Un mese di distanza sociale, proprio quella distanza che in questi anni abbiamo cercato e cerchiamo di accorciare e combattere. Un’epidemia chiamata Covid19 invece ci ha costretti a chiedere di rispettarla, a tutti i costi.

Un periodo intenso che ci ha chiesto di continuare a metterci in campo per i nostri ospiti, cercando di renderli consapevoli e attenti nel tutelarsi e tutelare gli altri da una malattia sconosciuta e nuova, inserendo tante regole, a volte molto rigide, che hanno sicuramente cambiato aspetto al nostro centro, rendendolo più statico, meno empatico, soprattutto per chi lo vive tutti i giorni, ma sicuramente un luogo più sicuro per tutti. Abbiamo continuato a garantire pasti, docce e lavatrici che in questo momento si presentano mancanze ancora più gravi, abbiamo fatto caffè e distribuito dolcetti, abbiamo acceso la tv e intervallato Tg ad un po’ di musica che ci accompagnasse nella sanificazione degli spazi e rendesse le giornate più “leggere”.

Il tempo della nostra giornata viene scandito da alcune prassi quotidiane: l’entrata in struttura uno alla volta, il lavaggio attento delle mani, la distribuzione dei pasti ordinata e un po’ più lenta per garantire meno incontri possibili tra gli ospiti. E ancora: la prenotazione del caffè dal posto, l’avvicinarsi al “bar bianco” non superando la linea messa a terra per dare un chiaro “stop”, tante attività partecipative che ci rendevano tutti parte del centro sospese, in attesa di una ripresa.

Sono state settimane che ci hanno permesso di aprire le porte anche ad altre persone, persone che quel tanto acclamato hashtag #iorestoacasa non lo hanno mai potuto rispettare perché una casa in questo momento non ce l’hanno. Una richiesta di aiuto infatti ci ha fatto prendere una decisione veloce ma importante, aprendo il  nostro centro diurno ad altre 25 persone che avevano bisogno di un pasto caldo e una cena take-away, che avevano bisogno di un posto sicuro. Abbiamo anticipato nuovamente l’apertura, creato più turni per il pranzo, organizzato una distribuzione semplice e regolata, augurato un buon pranzo a chi in questo momento poteva vedersi negato anche questo e preparato cestini per il pasto serale nella struttura di accoglienza “temporanea”.

Ci abbiamo voluto mettere del nostro, ci è stato chiesto di reinventarci e di ripensarci perché sono proprio questi momenti in cui la cooperazione e il sociale devono fare la differenza; perché sono proprio questi i momenti in cui la povertà aumenta, i bisogni si fanno più emergenti e le risposte devono essere più rapide.

Tutto questo ci ha fatto sentire parte di una comunità, con nuove e vecchie collaborazioni del territorio, il Centro Servizi Volontariato di Padova, la Caritas Diocesana, la Croce Rossa Italiana, con nuovi e vecchi volontari che hanno dedicato tempo e portato novità al nostro centro diurno.

Un nuovo imprevisto, una nuova sfida che ha chiesto al nostro servizio e alla nostra professionalità di sviluppare nuove abilità, nuove resilienze che stanno riempiendo di maggior valore e significato il nostro lavoro, forse spesso troppo poco riconosciuto.

E’ proprio questo impegno e questa determinazione che, anche in un momento in cui ci dicono di mantenere le distanze, uniscono le nostre forze e i nostri cuori per sentirci più vicini.

Percorsi occupazionali e nuove opportunità.

S. ha 37 anni, viene dalla Nigeria e ha 3 figli. Da due anni il padre dei bambini non è più presente nella vita della famiglia. S. è in Italia dal 2001 e ha lavorato come cameriera ai piani e collaboratrice domestica. Da fine 2018 è inserita al’interno del Laboratorio Occupazionale Protetto gestito dalla Cooperativa Gruppo R con gli obiettivi di migliorare la lingua italiana e reinserirsi nel mondo del lavoro, tenendo in considerazione le attitudini e le poche esperienze pregresse. Dall’inizio dell’inserimento ad oggi S. ha svolto attività di assemblaggio e ha partecipato a corsi di formazione quali il corso di italiano, addetta alle pulizie, sicurezza, e a momenti individuali, utili per poterle fornire tutti quegli strumenti indispensabili per un nuovo inserimento lavorativo nel mercato del lavoro. Con gli operatori ha steso un nuovo cv, ha svolto role playing di colloqui di lavoro, ha approfondito i pre-requisiti richiesti dal mondo del lavoro in Italia. S. ha dimostrato motivazione, impegno e voglia di rimettersi in gioco e l’equipe del Laboratorio Occupazionale Protetto ha preso contatti con una cooperativa che gestisce dei b&b a Padova e ha accompagnata S. a fare un colloquio conoscitivo. Da settembre inizierà un tirocinio come addetta alle pulizie per sei mesi.

Ha concluso in questi giorni il suo progetto e ha lasciato un messaggio agli operatori del servizio.

“Ciao Gruppo R, scrivo per salutarvi e ringraziarvi. Mi è piaciuto tanto lavorare con voi e voglio ringraziarvi per tutto ciò che avete creato. Siete stati sempre gentili con me e non mi avete mai fatto sentire con un colore della pelle diverso. Per voi siamo tutti uguali. Ogni mattina al mio arrivo mi salutate e scherzate con me. Mi assegnate un lavoro, preoccupandovi sempre che sia adatto a me, chiedendomi se lo sento adatto o sia troppo difficile. Se sbaglio nessuno urla; solo correzioni e aiuti per lavorare correttamente.

Voglio ringraziare Alberto, Carlo, Andrea, Angela, Fabio e Michela ora che ho concluso il mio percorso. Mi mancherete tantissimo. Vi ringrazio anche perchè mi avete aiutato a cercare e trovare un nuovo lavoro, che mi piace moltissimo.

Vi bacio”

PNL: percorsi di inserimento lavorativo

Abbiamo chiesto a M. di raccontarci la sua esperienza e il suo percorso in PNL, uno dei nostri servizi di tipo B che si occupa di inserimento lavorativo per persone in situazione di svantaggio. Un servizio poco conosciuto, che non fa molto parlare di sé ma che è una grande ricchezza per la nostra cooperativa: un servizio che si pone l’obiettivo di offrire nuove opportunità, svolgendo attività  produttive finalizzate all’inserimento nel mondo del lavoro delle persone con svantaggi fisici o psichici, ex detenuti, persone uscite da percorsi di fuoriuscita dalle dipendenze, persone che per altre condizioni personali come età, poche competenze e fragilità non certificate sono poco appetibili per il mercato. Il servizio si realizza in tre strutture e si occupa di attività di assemblaggio e logistica per aziende del territorio, offrendo opportunità di lavoro ma rispondendo anche ai bisogni ed alle esigenze espressi da cittadini svantaggiati sia in ambito lavorativo ma anche di partecipazione attiva e autodeterminazione. M. non è abituato a parlare di sé ma ha deciso di condividere con il suo operatore di riferimento, Daniele, alcuni aspetti del suo percorso in PNL e della sua storia.

Come mai sei arrivato in PNL? Nel tempo ho avuto delle difficoltà a mantenere i lavori più impegnativi e questo ha portato la mia situazione clinica a peggiorare velocemente. In quel periodo l’assistente sociale mi ha proposto un percorso in un centro occupazionale diurno (COD) e, una volta valutato il mio rendimento, dopo un anno, hanno deciso di passarmi al CLG (Centro Lavoro Guidato) e successivamente proposto per lavori in cooperativa o aziende. Dopo un lungo periodo in cooperativa si è presentata l’occasione di effettuare un tirocinio in PNL tramite l’assistente sociale del Centro di Salute Mentale. Continua a leggere PNL: percorsi di inserimento lavorativo

Ricerca di…reti.

C’è una parte un pò nascosta del nostro lavoro nel Laboratorio Occupazionale, una parte a volte difficile da far conoscere e spiegare all’esterno, una parte a volte molto complessa e faticosa ma centrale rispetto agli obiettivi che il nostro servizio si pone: la costruzione di inserimenti lavorativi nel mercato libero.

Tante le ore di ricerca e di telefonate, tante le porte chiuse perchè non si conosce il nostro lavoro o la nostra realtà, tante le paure dall’esterno nell’intraprendere collaborazioni con servizi che offrono opportunità a persone fragili. E’ difficile spesso spiegare a coloro che offrono lavoro nel mercato libero che un “tirocinio” può essere anche per loro un’opportunità, dove non ci sono vincoli; far capire che noi ci siamo per accompagnare queste persone e che abbiamo avuto modo di conoscerli, che il progetto continua e che collaborazione e monitoraggio sono per il nostro lavoro all’ordine del giorno.

Difficile si..ma non impossibile. Per questo motivo vogliamo oggi raccontarvi, con gli occhi e il cuore di un operatore, una di quelle volte in cui sono più le soddisfazioni che le criticità, dove abbiamo cucito relazioni, costruito nuove reti e percorso nuove strade…insieme!

“Voglio raccontarvi una parte del nostro lavoro, del mio lavoro, spesso faticoso e non certo lineare, ma altrettanto dinamico e appagante; voglio raccontarvi l’esperienza di un inserimento lavorativo dal mio punto di vista, dal punto di vista di un operatore, di chi propone questa esperienza a persone fragili e poi le supporta, di chi prova a far capire che è arrivato il momento di provarci e che c’è un’occasione da cogliere.

In poche righe voglio riattraversare il percorso di Cristian, al quale dopo quasi 8 mesi all’interno del Laboratorio è stata fatta la proposta di un inserimento come tirocinante c/o un allevamento di asini. Continua a leggere Ricerca di…reti.

Il mio futuro qui.

Oggi vogliamo raccontare la storia di B, una ragazza nigeriana che ha deciso di ripensare al suo viaggio e al suo paese, di raccontarci il suo presente e di condividere con noi il progetto del suo futuro.  Un paese difficile e contraddittorio, un presente con ostacoli e sfide, un futuro di speranze e desideri. Una storia che ancora una volta ci fa riflettere sul tema dell’accoglienza e sull’importanza di aprirsi al “diverso”, che ci permettere di conoscere “l’altro”, colui che viene da lontano ma che con il passare del tempo ci è sempre più vicino.

“Sono B. e sono arrivata in Sicilia nell’ottobre del 2015. Poco dopo esser sbarcati sull’isola, ci hanno subito messo su un autobus e siamo stati mandati direttamente a Padova: qui Continua a leggere Il mio futuro qui.

Il Laboratorio Occupazionale Protetto Gruppo R

Storie di vita, storie che si intrecciano con un mercato del lavoro sempre più complesso e precario. Storie che non perdono la speranza e continuano a credere e cercare in qualcosa di diverso e possibile. Molti i pezzi di vita che si possono incrociare nel nostro Laboratorio Occupazionale Protetto , un’opportunità di inserimento lavorativo e di educazione socio-lavorativa che vuole supportare le persone in situazione di disagio per migliorare le loro condizioni di vita.

Qui di seguito la storia di O. e di V., due lavoratori del Laboratorio che hanno deciso di raccontarsi e di condividere con noi alcune difficoltà che la vita ha loro presentato ma anche le loro nuove speranze. Continua a leggere Il Laboratorio Occupazionale Protetto Gruppo R